CONVENTO ABBANDONATO P.P ZOCCOLANTI

Un convento in piena decadenza è quello della Santissima Annunziata, assediato da vegetazione e logorato da abnormi pertugi nei pavimenti e nel tetto. Particolarità unica sono i carri funebri, probabilmente dell’Ottocento, lasciati a marcire in un angolo del chiostro.

Il chiostro custodisce pitture screpolate, ma ancora visibili, dedicate alla vita di San Francesco, in più affreschi ‘minori’ ritraenti busti di Santi (come quello di San Severino e San Bernardino da Feltre), e cornici atte a ricordare le famiglie nobili del luogo e i personaggi di spicco dell’Ordine monastico. Edificato nel 1466 dall’ordine monastico Z., il convento fu ampliato nel 1600.

Al primo piano i corridoi del convento mostrano un’antica biblioteca (ormai adibita a magazzino) e le cellette dei monaci.

La chiesa annessa è ormai in disfacimento e tenuta in piedi dalle salde impalcature che vietano la vista di molti particolari: l’organo è solo parzialmente visibile così come gran parte degli antri della chiesa e della sua Via Crucis.

Buona Visione.